Storia

Ispirato dai seguenti articoli:

Rule Britannia Forum - English Football Blog
 
Fisher Athletic F.C.
Fondazione: 1908
Fallimento: 2009
Nickname: the Fish, the Martyrs
Stadio: Champion Hill, Dulwich
(capienza 8.000 posti (500 a sedere))
Fisher F.C.
Fondazione: 2009

Nickname: the Fish
Stadio: Champion Hill, Dulwich
(capienza 8.000 posti (500 a sedere))

Il club è stato fondato nel 1908 da Michael Culiton, preside della Dockland School il quale era preoccupato dal dare alla gioventù non proprio fortunatissima di Bermondsey un’occasione di svago e divertimento. Contribuì alla fondazione Norman Potter, il quale quando venne il momento di dare alla squadra un nome, optò per quello del martire (cattolico) Saint John Fisher. Il Fisher quindi ed è uno dei pochi club sportivi al mondo a prendere il suo nome da una persona. 

Il legame tra la squadra e Bermondsey, south London è fortissimo (nel nuovo simbolo del club, la parola “Bermondsey” campeggia orgogliosamente). Il quartiere è zona portuale, con banchine e depositi: ed il Millwall, con la sua affascinante ruvidezza, che deriva proprio dal suo legame con il porto e i portuali. Il Fisher FC, nome assunto dalla nuova società dopo il fallimento del Fisher Athletic: nomi diversi, ma la stessa sostanza, e la stessa storia, lo stesso radicamento in quel di Bermondesey, a poca distanza dal The Den, anche se oggi il club è ospite del Dulwich Hamlet a Champion Hill. Una squadra, il Fisher FC, la cui essenza portuale e proletaria è insita, come nel caso del Millwall, nello stesso anno fondazione. 

Il club ha giocato in diversi distretti e leghe prima di approdare, nel 1965, al Parthenon League ma subito dopo il club si sciolse, venendo però rifondato non nell’originaria Bermondsey, ma a Mitcham, borough di Merton, qualche miglio più a sud. Il cambio di sede fa approdare il Fisher nella West Kent League, nel 1966. 

Surrey Docks Stadium
Solo nel 1974 il Fisher passa alla Spartan League. Il soggiorno in quel di Mitcham durò quasi vent’anni, fino alla stagione 1981/82. Proprio in quella stagione vi fu il ritorno a Bermondsey, nel nuovo impianto che prese il nome di Surrey Docks Stadium, dal nome della zona in cui venne edificato. Il nuovo stadio diede nuova linfa al progetto sportivo dei "pesci".

Proprio con gli anni '80 che il Fisher esplode sportivamente. Nella stagione 1980-81 i "pesci" vincono la Spartan League ed approdano in Southern League Southern Division e qui da matricola terribile non ci pensa un’istante a vincere immediatamente il campionato 1981-82 per essere promossi in Southern League Premier Division. Anche nella stagione 1982-83 tutto sembra pronto per la terza promozione consecutiva, che viene solo sfiorata arrivando secondi in campionato. Dopo un 8°posto nel 1983-84 ed un 3°posto l’anno sucessivo, finalmente il Fisher nella stagione 1986-87 arrivò primi e in qualità di Campione della Southern League, salì in Conference.

In Conference le cose cambieranno, infatti il Fisher passerà quattro anni di dure battaglie all’insegna della salvezza che non arriverà nel 1990-91 stagione disastrosa (solo 30 punti in 42 partite). Come gli anni '80 avevano dato, i successivi '90 toglieranno: retrocessi in Premier Division della Southern League arriveranno penultimi e retrocederanno immediatamente in Southern Division dove nel 1992-93 sfioreranno la terza retrocessione consecutiva arrivando quart’ultimi.

Sarà proprio nel 1993 che la società verrà rifondata cambiando nome in Fisher e con il nuovo corso giocherà sempre in Southern League Southern Division lottando ogni anno per non retrocedere fino al 1996, anno in cui viene costituita un’altra nuova società il Fisher Athletic London. 

Dal 1996-97 fino al 2004-05 giocherà in Southern League Southern Division poi rinominata Eastern Division. Solo nel 2000-01 giocherà in Premier Division ma venne immediatamente retrocessa l’anno successivo. L'Ultima stagione vincente fu la stagione 2004-05 con vittoria della London Senior Cup e la promozione nella Isthmian League Premier Division. L'anno successivo dopo essersi classificati al 3° posto, vennero promossi tramite i play-off e a suon di vittorie nei DERBY LONDINESI: prima contro l’AFC Wimbledon 2-1 ed in finale contro l’Hampton & Richmond Borough con un sonoro 3-0 con la conseguente promozione in Conference South. Ciliegina sulla torna la nuova vittoria in London Senior Cup

Fu l’ultimo campionato conosciuto dal team, che rimase in Conference South fino al 2009 quando, a causa della situazione finanziaria, l’High Court ne decise il fallimento (diede come da procedura un lasso di tempo per risolvere la situazione, che non venne risolta). Questo periodo portò il Fisher Athletic alla ribalta per l’apparizione, in panchina, di Donna Powell, seconda donna nella storia del calcio inglese ad allenare una squadra maschile (era già successo al Droylsden con la signora Stella Queen); la Powell non venne nominata manager, ma vinse un concorso speciale indetto dal club per raccogliere fondi. La partita allenata da Powell (il concorso prevedeva di allenare per una sola partita) finì 1-2 (vittoria dell’Eastleigh). 

Il Fisher Athletic London sparì definitivamente alla fine della stagione 2009. Ma nello stesso anno i tifosi, che tuttora sono proprietari del club, si riunirono per riportare alla luce la squadra, col nome di Fisher FC, che venne iscritta alla Kent League dove a tutt'oggi milita. Lo stadio, nel frattempo, era invece già cambiato. La ristrutturazione di Surrey Docks, cominciata nel 2004, non è ancora stata portata a termine, e l’impianto giace, tristemente, abbandonato a se stesso e al suo destino. Non perdiamo le speranze, perchè il Surrey Docks Stadium è particolarmente affascinante, esteticamente (la torretta con l’orologio e il segnavento è fantastica) e simbolicamente, situato nel bel mezzo dei docks, cuore di una Londra troppo spesso dimenticata da chi frequenta Westminster e la City e si dimentica di queste zone. 
Surrey Docks oggi

Dal 2004 il Fisher gioca, come detto in precedenza, a Champion Hill, casa del Dulwich Hamlet, rivali tra l’altro per eccellenza. Speriamo un giorno di poter mettere piede al Surrey Docks, appuntamento a cui non mancheremmo di certo; il nuovo club ha lasciato le porte aperte a un eventuale ristrutturazione della sua casa naturale. 




FA CUP e la maledizione di Bristol
I due massimi risultati uniti a enormi soddisfazioni nella competizione più affascinante e antica del mondo, il Fisher li ottenne sempre nei favolosi anni ’80. Nella stagione 1984-85, il Fisher giocava in Southern League Premier Division e partendo dal primo turno di qualificazione, battè il Rainham Town, l’Hitchin Town, il Tring Town ed il Folkestone fino ad arrivare al 1°turno dove in casa giocò contro il Bristol City che all’epoca giocava in 3^divisione (attuale League One), nonostante la differenza di livello il Bristol City vinse solo 1-0 e i sogni dei Fish s’infransero uscendo comunque a testa alta. Quattro anni più tardi 1988-89, partendo sempre dal primo turno di qualificazione arrivarono al 4° dove il destino li mise di fronte ad un derbyssimo. Fu il Dulwich Hamlet, con il primo match che finì con uno pirotecnico 3-3. Nel replay i pesci riuscirono ad imporsi per 3-0 e raggiunsero così il primo turno della FA Cup trovando ancora la città di Bristol, sponda Rovers. In questa circostanza i Rovers non ebbero pietà imponendosi per 4-0. Bristol ha quindi rovinato le gioie sportive del Fisher, nei suoi anni d'oro. 

Trofei (compreso il Fisher Athletic) 
  • Southern Lg 86-87 (R-up 83-84, Southern Div 82-83, Lg Cp 84-85, Championship Cup 87-88, Merit Cup), 
  • London Spartan Lg 80-81 81-82 (R-up 78-79, Senior Div 77-78, Div 2 R-Up 76-77), 
  • Parthenon Lg 61-62 (Lg Cup 63-64 65-66), 
  • Kent Amateur Lg 73-74 74-75 (R-Up 72-73), 
  • London Senior Cup 84-85 87-88 88-89 04-05 05-06, 
  • London Intermediate Cup 59-60 (R-Up 75-76), 
  • Kent Senior Cp 83-84, 
  • Kent Senior Trophy 81-82 82-83, 
  • Surrey Intermediate Cup 61-62, 
  • Isthmian League Cup 05-06, 
  • Southern League Eastern Division 1 04-05, 
  • Ryman Premier Play-off Winners 05-06 



Nessun commento:

Posta un commento